Cittadinanza solidale

Abbiamo scelto il concetto di Cittadinanza Solidale, per condividere un modo di essere nel quale crediamo ed al quale vogliamo tendere come individui e come Associazione Professionale.

Un modo di essere che ripudia l’egoismo dell’individuo e dei gruppi e che vuole rispondere all’obiettivo del bene comune, favorendo la dignità di ciascuno nella ricerca delle complementarietà e delle aree di integrazione tra le diversità.

 

Un modo di essere che la Costituzione repubblicana ha consacrato nell’art. 2:

“La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”.

 

La scelta del modo di essere spetta a ciascuno di noi:

“Vogliamo essere persone ciniche, rassegnate, che spengono la speranza agli altri, quindi persone morte anzitempo, oppure vogliamo essere persone vive, persone feconde, persone la cui speranza è una forza per tanti altri?”

(Dalla relazione del prof. Roberto Mancini, Per una democrazia felice, alla giornata Arché Live 2014, pubblicata ne I Quaderni di Arché.)